Omaggio a Napoli

VENERDÌ 23 MARZO ORE 21.15

 
 

OMAGGIO A NAPOLI

Musiche di F.P.Tosti, E. De Curtis, R. Falvo, E. Di Capua, G. Danzi

 

ANGELICA CIRILLO       Soprano
ANTONELLO CERON    Tenore
ANDREA ALBERTINI
     Pianoforte

MARIAPAOLA BIDONE  Voce recitante

Con la partecipazione straordinaria di CARLO AONZO campione del mondo di mandolino
 
 
 ANGELA CIRILLO E CARLO AONZO

 

 

CARLO AONZO

diplomato in mandolino con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Padova, ha collaborato come solista con numerose istituzioni musicali italiane e straniere, come la Filarmonica del Teatro alla Scala e i Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra del Carlo Felice di Genova, l’Orchestra Sinfonica di Cannes, la Nashville Chamber Orchestra, ecc.

Come fondatore e direttore dell’Orchestra a Pizzico Ligure ha suonato, tra le occasioni importanti, anche alla presenza di Papa Giovanni Paolo II.

Nel 1998 ha fondato il Festival Internazionale del Mandolino a Varazze; ha vinto, tra gli altri, il primo premio "Vivaldi" alla Vittorio Pitzianti National Mandolin Competition di Venezia, e il primo premio alla Walnut Valley National Mandolin Contest, di Winfield, Kansas.

Ha all’attivo numerose incisioni discografiche, tra cui l’integrale delle composizioni per mandolino di Nicolò Paganini, eseguite per la prima volta con il "mandolino genovese", i concerti di Vivaldi per mandolino e orchestra, alcuni dischi per più strumenti, tra cui si segnala "Serenata" con Beppe Gambetta.

Ha registrato, per l’americana Mel Bay, un concerto-dvd sulla storia del repertorio per mandolino ("Carlo Aonzo: Classical Mandolin Virtuoso"). Come ricercatore ha collaborato anche con il New Grove Dictionary of music and Musicians (il riferimento per ogni musicologo), nonché per le edizioni musicali della casa Bèerben.

 

ANGELICA CIRILLO

Soprano lirico di agilità, intraprende lo studio del canto lirico con il soprano Josella Ligi, perfezionandosi in seguito con i M° Franca Mattiucci, Ottavio Garaventa, Luisa Maragliano, Denia Mazzola Gavazzeni. I regolari  studi musicali e di pianoforte vengono seguiti dal M° Doria Miglietta. Parallelamente segue i corsi di studio e approfondimento dello spartito d’opera presso  l’Accademia Ducale di Genova  con  il M° Roberto Negri ed in seguito interpretazione e stile  con il M° Marco Balderi. La sua vocalità scura e molto duttile le permette di affrontare con successo un vastissimo repertorio  che spazia dalla musica operistica, da camera, sacra e profana con incursione anche nell’operetta. La sua attività concertistica sia in Italia che all’estero. Canta al teatro Carlo Felice di Genova, al fianco del tenore Ottavio Garaventa in onore del suo 50° anno di carriera ,più volte al teatro dell’opera del Casinò di Sanremo, Genova, Torino, Alessandria, Cuneo, Novara, Milano, Biella, Modena, Palermo, Piacenza, Parma, Montecarlo, Aosta, Ravenna, Bolzano, oltre che in  Svizzera, in Germania , in Francia e in tutta la Liguria  “terra ove risiede”. A Neuenkirchen canta nella Grande Mssa in Do minore di W. A. Mozart,  a Novara per il Requiem di Mozart ed il Gloria di Vivaldi con l’orchestra Classica di Alessandria.

E’ stata invitata a Milano per cantare in onore del M° Leo Nucci  al quale è stato consegnato nell’ambito della serata l’Oscar Internazionale della Lirica (A.L.I.). Ha affiancato più volte l’attore Edoardo Siravo in spettacoli lirici-teatrali dove si richiedeva una voce di soprano. È stata scelta per far da madrina cantando l’Inno Nazionale all’inaugurazione del Motocross delle Nazioni del 2009 in Franciacorta, alla presenza delle autorità  e di un pubblico di 30 mila persone.

 


ANTONELLO CERON

Figlio d’arte, con padre tenore e madre soprano, si avvicina allo studio del canto dapprima nel repertorio da baritono, e in un secondo tempo con il M° Pier Miranda Ferraro comincia lo studio da tenore. Ha partecipato a numerose produzioni operistiche. Ricordiamo le più recenti: nella stagione 2008 ha cantato nel ruolo di Ruiz nell’Opera “Il Trovatore” al Teatro Carlo Felice di Genova e nel ruolo di Flavio in “Norma” di Vincenzo. Bellini al Teatro Comunale di Bologna. Nella stagione 2008/2009 con il Teatro alla Scala di Milano ha partecipato alla Tournée di Buenos Aires con la produzione di “Aida” nel ruolo di Messaggero, in “Assassinio nella cattedrale” di Ildebrando Pizzetti nel ruolo di Araldo e in ancora in “Norma” nel ruolo di Flavio.
Ha preso parte nel 2011 in “Macbeth” di Verdi nei Teatri di Modena, Piacenza e Bolzano, interpretando il ruolo di Malcolm. Successivamente ha cantato il ruolo dell’Imperatore Altoum nella “Turandot” al Teatro Alla Scala di Milano. Con il Teatro alla Scala ha partecipato alla produzione di “Macbeth” a Barcellona; a Tokio ha partecipato ad una tournée scaligera con le produzioni di “Otello” e “Macbeth”, con la direzione del M° Riccardo Muti.

 

 

ANDREA ALBERTINI

Nato nel 1966. Diplomato in pianoforte presso il conservatorio "N. Paganini" di Genova con il maestro Danilo Macchioni. Ha ultimato i corsi di Organo e direzione corale presso la Scuola Diocesana di musica sacra di Tortona con il maestro G. Scappini, il corso speciale per collaboratori al pianoforte con il maestro R. Cognazzo e il corso di direzione d’orchestra presso l’Accademia Musicale Pescarese con il maestro Antonio Cericola e con il maestro Paolo Ferrara presso Conservatorio di Alessandria e nell’ambito del festival  Barbaresco Musica.  È pianista accompagnatore del coro "G. Verdi"  di Pavia.  Come direttore del coro “Bandello” di Castelnuovo Scrivia ha approfondito gli scritti sacri del tortonese Lorenzo Perosi.

Ha collaborato con la scuola di perfezionamento vocale e scenico del Mezzosoprano Franca Mattiucci, con la quale ha già partecipato alla realizzazione di diverse opere liriche e concerti anche con importanti solisti (P.Cappuccilli, R. Lantieri, F. Mattiucci, K. Johanson, M. Alvarez, K. Ricciarelli, G. Zancanaro, P. Ballo...) e per prestigiose sedi in Italia e all’estero (Teatro dell’Arte di Milano, Società del quartetto di Milano, Duomo di Milano, Sala Grande del Conservatorio di Lussemburgo, Festival verdiano di Vigevano, Premio Violetta di Parma, Teatri civici di San Marino, Ferrara, Pavia, Tortona,  Soresina, Boario Terme, Circolo Donizetti di Bergamo). Ultimamente collabora come direttore con l’ “Orchestra Classica di Alessandria”, con la quale ha registrato in prima assoluta la “Messa n. 7” di C. Gounod e l’inedito “Magnificat” per tenore, coro e orchestra di L. Perosi. Da ricordare la direzione della “Passione di Cristo” in cattedrale ad Imperia nel  festival internazionale si musica sacra ripreso da Rai 3 e il “Requiem op. 48” di G. Faurè nella tredicesima edizione di “Perosiana”  trasmessa da Radio Vaticana ed utilizzato da Rete 4 per le celebrazioni pasquali 2008.

Per l’edizione 2008 di Perosiana, ha riscoperto, pubblicato e registrato la “Messa da Requiem” di L. Perosi nella versione orchestrale inedita, mai eseguita dopo la morte del compositore. L’evento è stato eseguito in Basilica dei Frari a Venezia, organizzato dall’istituto musicale superiore “Fondazione Ugo e Olga Levi” con il sostegno della Procuratoria di San Marco ed inserito nel calendario 2008 del Teatro La Fenice (concerto fuori sede).

Nel marzo del 2010 fonda l’orchestra di violoncelli “Dodecacellos” con la quale inizia un sodalizio artistico con il grande attore italiano Ugo Pagliai , che lo porta alla realizzazione di spettacoli come “L’altro Perosi”, “Amore Cosmico”, “Indimenticato cinema italiano” (insieme alla moglie Paola Gassman). Ad aprile dirige “Requiem” di Mozart a Novara per i festeggiamenti di Passio 2010 davanti a più di duemila persone. Ricchissimo è il repertorio operistico da lui frequentato: Barbiere di Siviglia, Bohème, Tosca, Elisir d’amore …

Nell’immediato futuro vi sarà il ritorno a Venezia e la collaborazione con la Fondazione Levi per la riscoperta dei lavori sacri di Giovanni Tebaldini. La città di Cremona gli ha recentemente  affidato la revisione del Magnificat in la bemolle maggiore per coro e orchestra di L. Perosi. A maggio 2011 crea lo spettacolo “Un papa rimasto uomo” nel quale affianca il suono dei violoncelli alla voce di Giuseppe Pambieri.

 

 

 

 
Comments